<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=2156928307866245&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Se la gravidanza non arriva

Se la gravidanza non arriva

Mi chiamo Andreina, ho 27 anni e da tre frequento un quasi cinquantenne. Un uomo perbene, gentile, ma troppo sedentario. Tanto da trascorrere le nostre serata in casa, spesso soli, davanti al solito televisore acceso. Perfino il sabato sera, giorno della settimana che io ho sempre reputato sacro e destinato alle uscite in società. Ma lui no, è convinto e mi convince ogni volta che “stiamo bene da soli”. “Che non abbiamo bisogno di altro”. “Che il suo amore è la panacea a tutte le mie voglie e senso di solitudine”.

vaca_BLOGjpg

Gli ho chiesto un figlio, ci abbiamo provato da subito ma anche quello non arriva. Colpa, credo, della sua immobilità. Non fa sport, non esce a camminare, non si interessa di nulla al di fuori della televisione. Fare zapping, dopo il lavoro da meccanico, è il suo impegno quotidiano. Ho provato a stimolarlo, ma non ci sono riuscita e vorrei condividere con il gruppo di I-Vitae la mia storia. Anche per capire se veramente la sua sedentarietà possa essere alla base dei miei mancati concepimenti.

Andreina, grazie per questa preziosa condivisione. Sicuramente la tua giovane età spinge a credere che sia lui ad essere in difetto.

“A 27 anni, credo di essere nel pieno delle mie potenzialità fertili. E sono almeno due anni che abbiamo volutamente rapporti non protetti e che ci adoperiamo per avere il nostro bambino. Credo sia proprio lui il problema… ”.

In ogni caso, è sempre bene approfondire le cause di una gravidanza che non arriva. A prescindere dall’età, che rimane un’elemento fondamentale.

“Ho sempre rifiutato l’idea di sottopormi a controlli di routine per avere un figlio. Sono giovane e sana. Lui, piuttosto, dovrebbe fare certamente più movimento e sport”.

Essere giovani e sane non ti esime dall’obbligo di fare dei controlli di routine, se il concepimento non arriva dopo lunghi tentativi. Dopo due anni, è anche in letteratura, bisogna indagare sulle cause di infertilità.

“Lo farò. Da subito. Ma continuo a credere che il poco movimento di Gianni, il mio compagno, contribuisca in maniera pesante al mancato concepimento”.

Sicuramente, chi guarda tanta televisione ha meno spermatozoi rispetto a chi pratica sport. Il 44% in meno. E’ il risultato di una recente ricerca, pubblicata su British Journal of Sports Medicine.

“Ecco, quello che sostengo da tempo. Ma lui, pur amandomi molto, non mi ascolta. Adesso che grazie alla vostra segnalazione ne ho la certezza, lo spingerò a iscriversi in palestra o ad andare a giocare a tennis”.

E fai bene. Ma questo, lo ripeto, non ti esime dal sottoporti a controlli specifici per verificare la tua fertilità. E capacità riproduttiva.

“Va bene, farò anche controlli su me stessa. Però mi conforta pensare che ho un appiglio per spingere lui a fare sport o comunque movimento”.

Hai mai sentito parlare del TEST di I-Vitae sul sistema immunitario?

“Onestamente, ne sento parlare adesso. Di cosa si tratta?”.

E’ un semplice test innovativo (IMMUNOX™), capace di mettere in luce temporanei disequilibri del sistema immunitario femminile.

“Lo prenderò in considerazione. Ma ci sono già risultati tangibili e importanti legati a questo test?”.

Molti. E sempre più numerosi, nonostante sia relativamente giovane questo test e la startup che lo produce.

“Molto interessante questa nuova prospettiva… ”.

I-VITAE abilita le donne con problemi di fertilità a scoprire le potenziali cause e a tentare di raggiungere la gravidanza con un nuovo approccio, clinicamente validato. Parallelamente, puoi far controllare il tuo compagno e convincerlo ad essere meno pantofolaio.

“Contatterò il mio ginecologo e ci risentiremo per il test. Grazie, grazie, grazie”.

IL TEST DI I-VITAE

IMMUNOX™ è un semplice test innovativo, capace di mettere in luce temporanei disequilibri del sistema immunitario femminile. Durante la ricerca IL TEAM, altamente qualificato di Innovitas Vitae, ha scoperto 4 biomarcatori, ovvero segnali inequivocabili di un sistema immunitario femminile “fuori controllo”, dimostrando che la probabilità di gravidanza, in loro presenza, era molto vicina allo zero (2,9%), ma che con un integratore alimentare di tipo botanico (100% naturale) fosse possibile ridurre aspetti fondamentali come infiammazione e ossidazione, e raggiungere più facilmente la gravidanza (42%). Così è stata combinata un’offerta che include il test diagnostico e un programma di concepimento che si basa anche sull’assunzione dell’integratore.

I-VITAE propone quindi un programma personalizzato per la coppia, per il riequilibrio psico-fisico e per raggiungere il concepimento naturale, che si basa in aggiunta, su coaching nutrizione (VAI SUL SITO www.i-vitae.co).

INVESTI IN I-VITAE è aperta la campagna di equity crowdfunding su Crowdfundme.it

 

Federica Cappelletti
Giornalista Medico Scientifica
Editor in Chief

 

Topics: Infertilità Gravidanza naturale Innovitas Vitae Subfertilità Fertilità Prevenzione Essere donne Essere madri Gravidanza Sindrome premestruale Mestruazioni Natura sterilità secondaria