<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=2156928307866245&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Papilloma virus e gravidanza

Papilloma virus e gravidanza

“Salve, sono Usitania, ho 32 anni e da quattro mesi sono in cerca di una gravidanza. Ma, purtroppo, una infezione da HPV (ad alto rischio) ha intaccato la mia felicità, rischiando di compromettere la mia fertilità. Pochi giorni fa, infatti, a seguito di un controllo ginecologico mi è stato diagnosticato il Papilloma Vitus. Contratto come? Quando? Domande su domande alle quali non so dare una risposta! Il mio medico mi ha spiegato che potrei averlo preso anche in un bagno pubblico, non credo sia dovuto ai rapporti sessuali, avuti solo con il mio compagno. E lui, ne sono certa, solo con me. Sta di fatto che adesso dovrò sicuramente sottopormi ad un piccolo intervento chirurgico, per evitare che il virus mi possa provocare problematiche severe come parto pretermine, aborto spontaneo, morte cellulare programmata nelle cellule embrionali. Non vi nascondo che ho paura e vi ho scritto per condividere la mia storia e i miei timori.

fig_BLOGjpg

Usitania, i danni da HPV al livello del sistema riproduttivo sono tali da poter indurre infertilità attraverso vari meccanismi, ed in particolare negli spermatozoi, morte cellulare programmata (apoptosi), ridotta conta spermatozoaria (nel partner), aumento del tasso di frammentazione del DNA degli spermatozoi, riduzione della motilità progressiva e dei movimenti latero-laterali della testa dello spermatozoo, aumento degli anticorpi anti-spermatozoo.

“Lo so bene, infatti il mio compagno si sta facendo a ripetuti controlli per verificare e poi trattare una sua eventuale contaminazione… “.

Nella donna, piuttosto, l’infezione da papilloma virus HPV, in particolare per i tipi ad alto rischio, può sì indurre danni di tipo riproduttivo e problematiche severe in gravidanza ma se trattata in tempo non dovrebbe compromettere il tuo parto e la salute del tuo futuro bambino.

“Me lo hanno detto, per questo sto seguendo le istruzioni del mio ginecologo e degli specialisti che mi hanno proposto un piccolo intervento in day hospital (15 minuti appena) per rimuovere le lesioni del collo dell’utero…”.

In gravidanza, possibili conseguenze dell’infezione da HPV sono: parto pretermine, aborto spontaneo (non per i genotipi 16 e 18, ad alto rischio), morte cellulare programmata nelle cellule embrionali.

“La mia paura sta in questa consapevolezza. Per questo, non vedo l’ora di sottopormi all’intervento e spero davvero sia in regime ambulatoriale. Aspetto solo la chiamata. Con ansia”.

Prima di suggerirti l’intervento hai dovuto eseguire colposcopia e biopsia cervicale?

“Si, fortunatamente mi sono sottoposta a questi esami specifici prima di rimanere incinta, nella speranza che succeda! Da lì è iniziato l’iter per capire quale fosse la soluzione migliore per mettermi in sicurezza”.

Ti hanno proposto anche un successivo cerchiaggio cervicale, al fine di limitare il sanguinamento e garantire la tenuta del collo dell’utero per affrontare la gravidanza?

“E’ una possibilità. Ci stiamo ragionando! Sta di fatto che voglio risolvere questa situazione prima possibile per affrontare la mia gravidanza”.

Un consiglio alle ragazze che, come te, sono in età fertile?

“Di proteggere la propria fertilità, di stare attenti ai rapporti (che siano sempre protetti), di fare attenzione quando si frequentano i bagni pubblici. E, pere chi può, sottoporsi al vaccino contro l’HPV.

 

Federica Cappelletti
Giornalista Medico Scientifica
Editor in Chief

 

Topics: Infertilità Gravidanza naturale Innovitas Vitae Subfertilità Fertilità Prevenzione Essere donne Essere madri Gravidanza Sindrome premestruale Mestruazioni Natura sterilità secondaria Papilloma virus