<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=2156928307866245&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Monitoraggio ovulatorio e temperatura basale per le donne in cerca di un figlio.

Tecnologia e misurazione del ciclo femminile

La svolta nelle App e nella tecnologia digitale.

Avere un figlio è un desiderio innato per una donna. È la continuazione naturale di se stessa, l’espressione più significativa della natura umana. È il rumore di un piccolo cuore che batte dentro la propria pancia e scandisce le ore di giornate infinite. Sono due mani che si stringono e si riconoscono dopo mesi di attesa, due paia di occhi che si capiscono dal primo istante senza parole. Avere un figlio è il miracolo che si chiama vita, il prodigio dell’incontro tra la femmina e il maschio.

Ma restare incinta non è sempre un percorso comodo e felice. A volte, infatti, la strada per il concepimento può trasformarsi in un cammino tortuoso e desolante, fatto di attese disilluse, di sofferenze disumane, di aborti, di troppi soldi spesi inutilmente, di ansie e depressioni pesanti.

Internet, intanto, è diventato un contenitore prezioso di consigli per le donne che vogliono diventare madri: dalle diete da seguire all’attività fisica fai da te, a quando e come fare sesso, a dove rivolgersi in caso di mancato concepimento, ma anche sul come scoprire la propria finestra fertile: con il monitoraggio dell’ovulazione o attraverso la misurazione della temperatura basale (Basal Body Temperature o BBT).

In una società oramai a tutti gli effetti tecnologica, quindi, la salute digitale diventa la risposta più immediata a molte donne che desiderano diventare madri. Molti sono gli strumenti di controllo disponibili: dalle applicazioni (diverse sono le App per smartphone e computer, sia italiane sia straniere, già in commercio e sempre più affidabili, pensate per aiutare la fertilità e dire alla coppia quali sono i giorni giusti per concepire. La popolarità delle app da smartphone è in crescente aumento, perché sempre più donne sono interessate a usare metodi naturali per programmare la loro gravidanza) ai manuali (tanti e in tutte le lingue).

Il monitoraggio dell’ovulazione è una delle tecniche più efficaci per individuare i giorni fertili. Fondamentale nei casi in cui si ha difficoltà a rimanere incinta, in quanto non solo consente di sapere quali sono i giorni più fecondi del ciclo ma anche di instaurare eventuali terapie che migliorano la salute della donna in cerca di una gravidanza. Ancora più importante quando c’è una situazione di subfertilità o infertilità secondaria, condizione delle coppie infertili che non presentano fattori di sterilità e che hanno quindi la possibilità, seppur ridotta, di ottenere una gravidanza spontanea e naturale.

Tracciabilità ovulatoria

L’ovulazione è l’evento che si verifica quando un ovulo maturo viene rilasciato dall’ovaio, si muove lungo la tuba di Falloppio ed è disponibile a essere fecondato.
Ecco come si calcola:

  • Calcola la lunghezza del ciclo mestruale normale. Il primo giorno è il primo giorno del periodo mestruale e l'ultimo giorno è il giorno prima dell'inizio della mestruazione successiva.
  • L'ovulazione avviene circa due settimane prima della prossima mestruazione. Così, se il ciclo mestruale medio è di 28 giorni, l'ovulazione sarà intorno al giorno 14. Ovviamente questo è un ragionamento statistico, non puoi sapere se la mestruazione arriverà davvero al 28 giorno.
  • Ricorda che 'il periodo fertile' rappresenta i sei giorni che precedono l'ovulazione più il giorno dell'ovulazione stesso.

Se si ha un ciclo di 28 giorni, l'ovulazione di solito avviene il giorno 14, la 'finestra fertile' inizia il giorno 10.
Se si hanno cicli più lunghi, diciamo 35 giorni, l'ovulazione avviene il giorno 21, la 'finestra fertile' inizio il giorno 17.
Se si dispone di cicli molto brevi, diciamo 21 giorni, e l'ovulazione accade il giorno 7, la 'finestra fertile' dovrebbe iniziare il giorno 3.

Come fai a sapere che stai ovulando?

Non puoi mai saperlo con certezza, e in effetti la valutazione dell'ovulazione è un sistema ottimo se stai cercando una gravidanza, meno buono se vuoi evitarla. I cicli delle donne possono variare, non sono sempre regolari come un orologio.

Metodi per capire quando l'ovulazione sta per verificarsi

  • Tenere d'occhio i cambiamenti nel muco. Intorno al periodo di ovulazione, il muco della vagina è chiaro, liscio e scivoloso, con la consistenza del bianco d'uovo. Questo è il miglior segno che annuncia l'ovulazione ed è il momento privilegiato per avere rapporti.
  • Utilizzare un kit di rilevamento dell'ovulazione. Si può iniziare il test con il kit un paio di giorni prima del giorno previsto di ovulazione. Sottrarre 17 giorni dalla durata media del ciclo e iniziare a testare da questo giorno del ciclo, ad esempio, se si dispone di un ciclo di 28 giorni, si dovrebbe iniziare i test di giorno 11. Un risultato positivo significa che si sta per ovulare entro le prossime 24 a 36 ore.

La rivoluzione della BBT

Rimanere incinta misurando la “temperatura basale”

Un altro metodo efficace per individuare i giorni fertili, soprattutto per chi non riesce a valutare il muco cervicale, è quello della temperatura basale (BBT: Basal Body Temperature), ovvero la temperatura del corpo della donna che si registra al momento del risveglio, prima di compiere qualsiasi attività.
Si tratta, a tutti gli effetti, di uno degli strumenti più semplici ed economici per controllare l'andamento del ciclo mestruale e capire se c'è stata l’ovulazione.
La temperatura basale varia, infatti, a seconda della fase del ciclo, in relazione alla quantità di progesterone in circolo: nella fase follicolare, quando il progesterone è quasi assente, la temperatura basale è più bassa, mentre nella fase luteale, quando il progesterone aumenta, la temperatura basale è più alta rispetto alla fase precedente. Quindi, se il ciclo è ovulatorio la temperatura dovrebbe avere un andamento bifasico: nei giorni prima dell'ovulazione sarà più bassa (tra i 36.3° e i 36.7°), mentre, dopo l'ovulazione, aumenterà di alcuni decimi di grado (dai 37° in su) e manterrà valori più alti rispetto a quelli della fase preovulatoria.
Se si traccia una linea orizzontale, detta linea di base, si può osservare che nella fase preovulatoria tutti i valori della temperatura si trovano al di sotto di tale linea, mentre nella fase postovulatoria tutti i valori della temperatura si trovano al di sopra. In questo caso l’ovulazione c’è stata. Se invece la temperatura si mantiene più o meno costante durante tutto l'arco del ciclo, aumentando o diminuendo in modo irregolare e senza che sia possibile individuare un andamento bifasico, è molto probabile che il ciclo sia anovulatorio.
Dopo l'ovulazione la temperatura si mantiene stabilmente alta per poi calare, se non c'è stata fecondazione, in prossimità dell'arrivo delle mestruazioni. In caso di gravidanza, piuttosto, la temperatura continua a restare alta, anzi, a volte registra un ulteriore aumento: si parla, in questo caso, di andamento trifasico della temperatura. Più di 14 giorni di temperatura alta dopo l'ovulazione sono segno quasi certo di gravidanza.

misurazione della temperatura basale
(fonte: http://www.alessandrofeo.it/temperatura_basale_bbt.html)1

La temperatura va presa ogni giorno (se preferite è possibile evitare durante il ciclo), la mattina, alla stessa ora, prima di alzarsi dal letto. Chi soffre di insonnia, o non ha un sonno regolare, non potrà utilizzare questo metodo. Bisogna dormire almeno tre ore consecutive prima della misurazione.
E’ giusto scegliere sempre lo stesso modo di rilevazione della temperatura, da scegliere tra quello vaginale o rettale. Meglio evitare quello auricolare. Come termometro è meglio preferire quello digitale, che consente una misurazione precisa al decimo di grado. In commercio, nelle farmacie, esistono termometri specifici per la misurazione basale.

Conclusioni

La BBT è un metodo supportato dalla scienza e dagli studi di settore, largamente usato nella scoperta della fertilità. Il suo maggior vantaggio è associato alla naturalezza, inoltre non è invasivo ed è di costo contenuto.
Negli ultimi anni, però, con l'avvento di metodologie più sofisticate, sono sorti dubbi e domande per il suo impiego corrente. E l'affidabilità e l'applicazione sono state messe in discussione.
Ma il metodo ha mostrato un'alta sensibilità quando viene impiegato come indice di ovulazione. Questo, in accordo con gli studi già presenti in letteratura scientifica. Ci sono molte indicazioni che dimostrano che il metodo possa essere impiegato nello studio e nella gestione dei problemi di fertilità. Oltre a ciò, si prevede che lo sviluppo di nuovi apparecchi elettronici permetta l'incorporazione dei dati pertinenti alla fertilità e potrebbe inoltre migliorare l'attendibilità, l'accettabilità e l'applicazione della registrazione della temperatura basale nella scoperta della fertilità.

L’App giusta

Per tenere sotto controllo facilmente il ciclo, i periodi di ovulazione e di fertilità è sufficiente scaricare l’App giusta sul proprio smartphone e ricevere una notifica quando è il momento propizio per cominciare a provare ad avere un bambino.
Di seguito, alcune delle App che secondo le recensioni in rete mostrano la maggior diffusione.

App per il Tracking Ovulatorio

Glow

App molto personalizzabile, evidenzia il tuo ciclo fertile utilizzando dati personalizzati per aiutare più velocemente il concepimento. Inoltre coinvolge i papa’, includendo la possibilità di registrare dati sulla loro salute e stile di vita.

Period Tracker

Attraverso il monitoraggio del tuo ciclo, l’app identifica quando sei più fertile semplicemente attraverso i dati che registri in correlazione con dati statistici. In più permette di esportare le date del ciclo mestruale così come le tue note in formato testuale, cosicché tu possa spedirle via email al tuo medico di fiducia.

iMamma

La più diffusa in Italia, ha tantissime funzioni diverse sia per me aspiranti mamme (tracking ovulatorio e della fertilità, tracciamento dell’umore, frequenza dei rapporti sessuali, impostazioni legate alla fase luteale) e per il ginecologo (regolazioni ostetriche, monitoraggio del paziente sincronizzato, calendario degli appuntamenti, registro degli esami e molto altro).

Clue

Grazie ad un algoritmo che registra tutti i tuoi dati, più usi Clue più diventa preciso nel predire la tua fase ovulatoria. Grafica accattivante e interfaccia molto intuitiva.

Apps per il Tracking Ovulatorio con il metodo BBT

Kindara

Per ora disponibile solo in Inglese, Kindara identifica il tuo periodo più fertile basandosi sui livelli di ormoni, monitorando la Temperatura Basale e il Fluido Cervicale. Lavora insieme ad un termometro orale chiamato Wink, che costa 129 dollari ed è automaticamente sincronizzato con l’app.

Ovy

Misura la temperatura basale della donna ogni mattina con un termometro Bluetooth. Anche questa app per ora è disponibile solo in lingua inglese.

Fertility Friend

Altra app anglofona, predice i giorni migliori per concepire o per effettuare un test di gravidanza. Traccia il tuo ciclo mestruale insieme con altri segni di fertilità come la Temperatura basale, il fluido cervicale e altri sintomi.

Natural Cycles

Disponibile in diverse lingue tra cui Inglese, Tedesco, Spagnolo, Danese e Portoghese, ma per ora non in Italiano, oltre ad essere il primo vero contraccettivo digitale, lavora anche al contrario: indica infatti anche la tua finestra fertile. Puoi impostare l’obiettivo dell’utilizzo dell’app:, raggiungere una gravidanza o evitarla. Anche Natural Cycles segue il metodo della Temperatura Basale.

Ava

Dispositivo portatile che traccia dati fisiologici come la temperatura Basale, battito cardiaco, stato della pelle, e individua una media di 5.3 giorni fertili per ciclo, con l’89% di precisione.

Federica Cappelletti
Giornalista Medico Scientifica
Editor in Chief

1. Leggenda:CM= Muco Cervical. Test= Risultato Sticks dell’Ovulazione BD=Rapporti Sessuali CP= Aspetto della Cervice Meds= Medicinali Assunti
Grafico della Temperatura basale normale
Ciclo bifasico. L'ovulazione, indicata dalla riga rossa verticale, è avvenuta al 17° giorno. La linea rossa orizzontale indica la linea di base che consente di distinguere le temperature più basse della fase preovulatoria da quelle della fase postovulatoria.
Topics: Gravidanza naturale Innovitas Vitae Ciclo Ovulatorio Ciclo mestruale Fertilità BBT Tracking Ovulatorio Temperatura Basale Applicazioni