<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=2156928307866245&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Fisico e gravidanza

Fisico e gravidanza

“La paura di ingrassare mi impedisce di assecondare il mio compagno, spero futuro marito, che vorrebbe avere un bambino nostro. Rimanere incinta significherebbe perdere l’equilibrio fisico, le mie forme, la mia quasi perfezione… ”.

I-Vitae

Rebecca è spontanea, bella, tonica, sfolgorante nella pienezza dei suoi ventisei anni. Che sono già abbastanza per poter decidere di essere madre, ma forse ancora pochi per abbandonare le velleità di ragazza. Così ha deciso di scrivere al nostro blog, confessandoci la sua debolezza da rinnovata teenager, figlia più che mai dei tempi moderni. Dove il fisico, i vezzeggiamenti, le lusinghe ancora scontate, fanno parte della quotidianità. E un figlio, per quanto desiderato e voluto, porta enormi stravolgimenti anche dal punto di vista fisico. Almeno nell’immediato, nei nove mesi di gestazione e subito dopo, prima di tornare, perché no, alla tanto ambita pancia piatta. Ma Rebecca non è fuori dal coro, come lei, tante ragazze sono ogni giorno sono alle prese con la loro voglia di piacersi e di piacere. Tanto da rinviare il progetto di una maternità anche per anni, quando l’orologio biologico indica che il tempo della fertilità sta per scadere. E allora si corre e si rinnegano i fisici di una volta… E si accettano le condizioni dell’età che avanza…

Rebecca, la tua è una condizione decisamente comune tra le ragazze della tua età. Una gravidanza e dei figli portano sicuramente cambiamenti, in tutti i sensi…

“Buongiorno a tutte e perdonatemi questo sfogo. Ma ho paura di sbagliare, di fare una scelta che ancora non voglio fare… ”.

Dovresti farti una domanda e darti una risposta: non la vuoi a scegliere di avere un bambino per il fisico o per le responsabilità e rinunce che inevitabilmente comporta?

“Pensandoci bene, forse per entrambe le motivazioni. Ma il fisico, quello ahimè, è il mio dramma maggiore. La paura di non riconoscermi, dopo aver vissuto una vita da bella e impossibile! Pensate che mangio solo insalata e qualche frutto, come potrei avere lo stesso regime alimentare una volta incinta!!!”.

Sicuramente, la scelta di una maternità non è cosa da poco. E se tu non hai maturato dentro di te la volontà di essere genitore e di fare rinunce, a cominciare da tuo fisico e dalla tua voglia di piacere e piacerti, meglio aspettare…

“Infatti, io vorrei aspettare. Il problema è che il mio fidanzato desidera più di ogni altra cosa di diventare padre. E’ diventato un tormento, me lo ripete giorno e notte, visto che conveniamo in un piccolo appartamento alle porte di Roma”.

Forse devi parlare meglio con il tuo compagno e aiutarlo a riflettere: meglio attendere una tua maturità diversa che ritrovarsi a pagarne le conseguenze…

“Ci parlo ogni giorno, mi creda. Ma lui non vuol sentire. E minaccia di lasciarmi per questo motivo”.

Prova ad essere più persuasiva. Datevi dei tempi, cerca di capire cosa vuoi tu, veramente, nella tua vita. Un figlio cambia davvero il tuo fisico, il tuo modo di pensare e di vivere la quotidianità”.

“Quindi, anche il mio fisico passerà in secondo piano?”.

Non necessariamente, ma avrà un valore diverso.

“Questo mi conforta e mi spinge a pensare più a fondo sulla scelta da fare… Grazie dei preziosi consigli”.

 

Federica Cappelletti
Giornalista Medico Scientifica
Editor in Chief

 

Topics: Infertilità Gravidanza naturale Innovitas Vitae Subfertilità Fertilità Prevenzione Essere donne Essere madri Gravidanza Sindrome premestruale Mestruazioni Natura