<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=2156928307866245&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Ciclo ovulatorio: facciamo chiarezza

Come funziona il ciclo ovulatorio femminile

Circa il 10% delle donne con cui abbiamo avuto il piacere di interloquire e di supportare da quando abbiamo iniziato a proporre il nostro approccio naturale, dichiarano di avere difficoltà nell’individuare i giorni dell’ovulazione e di conseguenza i giorni fertili.

Probabilmente sapete già tutto sul vostro ciclo, soprattutto dal punto di vista sintomatologico, e su come per alcune sia pesante e, a volte, doloroso. Con questo articolo cerchiamo di entrare maggiormente nel dettaglio e di fare chiarezza tra ciclo mestruale, ovulazione e giorni fertili, in modo semplice.

Comprendere la differenza tra ciclo e giorni fertili aiuta anche nella scelta degli strumenti oggi a disposizione (test rapidi o APP sul telefonino, ad esempio), per determinare i giorni del ciclo in cui la probabilità di concepire è massima.

Durata del ciclo

La durata decorre dal primo giorno di un ciclo ed il primo giorno del ciclo successivo. Mediamente varia tra i 21 e 35 giorni nelle donne adulte, con una media di 28 giorni[1]. Le mestruazioni terminano con la menopausa che di solito avviene tra i 45 e 55 anni di età.

Le fasi del ciclo

E’ fondamentale distinguere due macro fasi che corrono parallele:

  1. la prima riguarda le ovaie (ciclo ovulatorio)
  2. mentre la seconda l’utero (ciclo uterino)

Queste due macro fasi si sviluppano simultaneamente. Nell’immagine che segue si comprende facilmente come avvengono sia reazioni nell’utero all’inizio del ciclo (sanguinamento – ciclo uterino), che nelle ovaie (inizio dello sviluppo follicolare).

ovulazione femminile come misurarla

(fonte: Wikipedia.org)

Ciclo Ovulatorio

Fase follicolare - preparazione all’ovulazione

All’inizio del vostro ciclo, una ghiandola posta nel cervello comincia a produrre un ormone chiamato FSH (Follicle-Stimulating Hormone). Questo è il principale ormone coinvolto nel processo di stimolazione ovarica per la maturazione di ovuli, e va direttamente a stimolare i follicoli. Ogni follicolo contiene un uovo non maturo. Solo uno di essi prevarrà (follicolo dominante) durante la fase di ovulazione producendo un solo ovulo. Una volta stimolati con l’FSH i follicoli cominciano a produrre estrogeni.

Ovulazione

Quando il follicolo è maturato il livello di estrogeni nel corpo è abbastanza alto da portare al rilascio dell'ormone LH (Luteinising Hormone). Esso porta all'ovulazione, ossia alla stimolazione del follicolo dominante affinché rilasci l'ovulo maturo. Le due ovaie (sinistra o destra) producono l’ovulo in modo alternato. L’ovulo rilasciato entra nelle tube di Falloppio dove potrebbe incontrare lo sperma per la fecondazione.

Molte donne pensano di ovulare il giorno 14 (immaginando che il ciclo duri mediamente 28 giorni), ma 14 è una media, e la maggior parte delle donne ovula in un diverso giorno del ciclo mestruale. Il giorno dell’ovulazione varia dal ciclo al ciclo. Alcune donne dichiarano di sentire una fitta quando ovulano [2], ma molte non sentono alcuna sensazione e non c'è nessun altro segno che stai ovulando.

Fase Lutea

Questa fase è quella finale del ciclo ovulatorio e termina il giorno prima del sanguinamento uterino (che è il primo giorno del ciclo successivo). Durante essa gli ormoni FSH e LH portano il follicolo dominante a trasformarsi nel corpo luteo il quale produce progesterone che abbassa conseguentemente i livelli di FSH e LH, mentre il corpo luteo si atrofizza. La diminuzione dei livelli di ormoni fa scattare il sanguinamento (inizio del ciclo successivo).
Esso innalza anche la temperatura corporea da un quarto a mezzo grado centigrado, perciò le donne che misurano la temperatura giornalmente possono accorgersi che sono nella fase lutea.

Se l'ovulo viene fecondato

L'ovulo, nel caso fosse stato fecondato, viaggerà come blastula attraverso le tube di Falloppio fino alla cavità uterina e si impianterà 6 o 12 giorni dopo l'ovulazione. Poco dopo l'impianto, l'embrione segnalerà la propria esistenza al sistema materno. Un segnale precoce viene dato dalla gonadotropina corionica (HCG), ormone che si può misurare con un test di gravidanza. Esso ha un ruolo importante nel mantenere il corpo luteo "vivo" e capace di produrre ancora progesterone. Senza gravidanza (e quindi senza HCG) il corpo luteo scompare, e il livello di progesterone crolla. Ciò determina l'inizio di un nuovo ciclo mestruale.

Ciclo uterino

Sanguinamento

Il sanguinamento dura tra i 2 e 7 giorni ed è la prima fase del ciclo, ovvero da quando si comincia a misurane la durata. In altre parole, come detto prima, primo giorno di sanguinamento, primo giorno del ciclo. Il sanguinamento, significa che non sei in stato di gravidanza (anche se in alcuni casi non è da considerarsi come una certezza [3]), ed è l’effetto che deriva dalla conseguenza che gli ormoni nel tuo corpo inducono l’utero a far rientrare l’inspessimento creato durante il ciclo precedente. Tale inspessimento è necessario e fondamentale nel caso in cui il tuo ovulo venga fecondato.

Fase proliferativa

In questa fase gli estrogeni, il cui livello all’inizio del ciclo è molto basso, cominciano a crescere producendo un progressivo inspessimento dell’endometrio. Infatti, è in questa zona (endometrio proliferativo) che si impianterà l’embrione. Gli estrogeni stimolano anche la produzione di muco cervicale.

Le fasi uterina del sanguinamento e proliferativa coincidono con la fase ovarica follicolare, mentre la fase ovarica luteale coincide con la fase uterina secretoria.

Fase secretoria

Durante questa fase il corpo luteale, come abbiamo detto, produce progesterone che gioca un ruolo fondamentale nel rendere l’endometrio ricettivo all’impianto della blastocisti e in grado di fornire supporto alle prime fasi della gravidanza, incrementando il flusso sanguigno nelle pareti endometriali e delle secrezioni uterine.

Quindi come si determinano i giorni fertili?

Il giorno dell’ovulazione è quello a cavallo della finestra temporale definita come “fertile” e che va indentificato per poter avere la maggior probabilità di fecondazione da parte dello spermatozoo e quindi di concepire.
La finestra temporale di massima fertilità varia da donna a donna, anche se la fase luteale (quella successiva all’ovulazione) è quella che dimostra la magiore regolarità.

Il periodo più fertile (periodo con maggiore probabilità che un rapporto sessuale porti ad una gravidanza) dura mediamente fra 5 giorni prima dell'ovulazione, fino a 1-2 giorni successivi.

Esistono quindi diversi metodi per determinare il giorno di ovulazione o la finestra dei giorni fertili, come i test di ovulazione basati sulla misurazione della variazione del livello di ormoni, o in alternativa quelli basati sulla misurazione della temperatura basale (Basal Body Temperature). Nel prossimo articolo cercheremo di parlare di questi metodi, mettendoli a confronto anche con evidenza scientifica.

NOTE

[1] https://it.wikipedia.org/wiki/Ciclo_mestruale/, "Menstruation and the menstrual cycle fact sheet". Office of Women's Health, USA. 23 Dicembre 2014. Visitato il 25 Giugno 2015.

[2] Mittelschmerz: (dal tedesco: "dolore di mezzo") è un termine medico per il "dolore ovulatorio" o "dolore di mezzo ciclo". Circa il 20% delle donne manifesta il mittelschmerz, alcune ad ogni ciclo, altre solo talvolta.

[3] Greenfield, Marjorie (17 September 2001). "Subchorionic Hematoma in Early Pregnancy". Ask Our Experts. DrSpock.com. Retrieved 21 September 2008. / Anderson-Berry, Ann L; Terence Zach (10 December 2007). "Vanishing Twin Syndrome". Emedicine.com. WebMD. Retrieved 21 September 2008. / Ko, Patrick; Young Yoon (23 August 2007). "Placenta Previa". Emedicine.com. WebMD. Retrieved 21 September 2008.

Topics: Gravidanza naturale Innovitas Vitae Ciclo Ovulatorio Ciclo mestruale Fertilità Periodo Fertile