<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=2156928307866245&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Verso la maternità possibile

La tua guida agli articoli e agli studi sull'infertilità

“La sclerodermia mi ha tolto la gioia di un figlio”

“La sclerodermia mi ha tolto la gioia di un figlio”

Oggi ospitiamo, con grande piacere e interesse nei confronti dell’argomento, la lettera di Liliana, una giovane donna affetta da sclerodermia: patologia autoimmune che le sta impedendo di diventare madre. Perché la cura alla quale deve essere sottoposta a vita, non si concilia con la programmazione di una gravidanza. Perché l’idea di sospendere nuovamente la terapia per tutelate il bambino, le crea blocchi psicologici talmente pesanti da bloccare la scelta.

Il ginecologo le ha già proposto uno stop dei farmaci, ma solo per il periodo del concepimento e della maternità. Lei ci ha provato, ma i suoi disturbi sono tornati talmente fastidiosi da far cadere Liliana nello sconforto più totale. Così ci ha scritto e ci ha chiesto di condividere esperienze analoghe. L’abbiamo ascoltata e riportiamo di seguito il suo racconto e la nostra intervista.

Argomenti: Infertilità Gravidanza naturale Innovitas Vitae Subfertilità Fertilità Sistema Immunitario Prevenzione Essere donne Essere madri Gravidanza Sindrome premestruale Mestruazioni Natura sterilità secondaria sclerodermia

Morbo di Crohn e concepimento

Morbo di Crohn e concepimento

Se si è affetti da questa malattia cronica, conosciuta come morbo di Crohn, sarebbe meglio programmare la gravidanza quando è in fase di remissione. Usare i farmaci si può, ma sempre sotto il monitoraggio del medico/ginecologo.

Argomenti: Infertilità Gravidanza naturale Innovitas Vitae Subfertilità Fertilità Sistema Immunitario Prevenzione Essere donne Essere madri Gravidanza Sindrome premestruale Mestruazioni Natura sterilità secondaria morbo di crohn

Quel desiderio disperato di avere un figlio

Quel desiderio disperato di avere un figlio

“E’ bastata la frase Sono nuovamente incinta della mia più cara mica Francesca, a farmi sprofondare nella disperazione totale. Una depressione senza ritorno, per la quale sto ancora combattendo. E il mio castello di speranza è crollato, insieme alla determinazione che mi ha spinto a lottare per due anni interi per avere il mio bambino”.

Barbara ha trentacinque anni, un compagno che l’ama da sei, e ha deciso di scrivere alla nostra redazione di I-VITAE per condividere la sua storia e trovare un buon motivo per non mollare nella sua bramata ricerca di un figlio. Abbiamo accolto volentieri la sua lettera, l’abbiamo intervistata, e con il suo consenso condividiamo la sua preziosa esperienza di vita. Che è quella di molte donne, più o meno coetanee, desiderose di essere madri.

Argomenti: Infertilità Gravidanza naturale Innovitas Vitae Subfertilità Fertilità Sistema Immunitario Prevenzione Essere donne Essere madri Gravidanza Sindrome premestruale Mestruazioni Natura sterilità secondaria

Un bambino non è mai per caso..

Un bambino non è mai per caso..

Quanta sofferenza può celarsi dietro al desiderio di un figlio che non viene al mondo? Un figlio fortemente cercato per anni e mai abbracciato. O un figlio perso troppo presto, o troppo tardi, quando ci si era già illusi di vedere il suo volto. Un figlio che è già nato e cresciuto dentro di te e che già senti parte della tua vita. Un figlio voluto, agognato, profondamente amato. Tuo figlio.

Argomenti: Infertilità Gravidanza naturale Innovitas Vitae Subfertilità Fertilità Sistema Immunitario Prevenzione Essere donne Essere madri Gravidanza Sindrome premestruale Mestruazioni Natura

Sterilità secondaria. Dopo Mia, nessuna speranza di avere un secondo figlio

Sterilità secondaria. Dopo Mia, nessuna speranza di avere un secondo figlio

Tanti anni fa, una signora che conoscevo appena ma che aveva un modo di fare molto materno, mi chiese cosa desiderassi dalla vita? Eravamo ai giardini con i rispettivi cani e senza un attimo di esitazione risposi con il sorriso sulle labbra alla sua domanda: “Un figlio! Un bambino tutto mio da abbracciare, da coccolare, da baciare, da crescere!”. Avevo venti anni appena e troppe aspettative per il futuro. “Un bambino?”, esclamò lei, fissandomi intensamente. “Ma sei così giovane, così bella. Pensa alla tua gioventù, goditela finché puoi, perché i figli arriveranno anche più tardi se veramente li vorrai!”.

Meditai intensamente sulle parole di quella dolce sconosciuta, dai modi garbati. Ma, alla fine, ho fatto di testa mia e insieme al mio compagno abbiamo cominciato a progettare di avare un figlio tutto nostro. Sono passati pochi mesi e già ero incinta di Mia. Una bambola dai capelli corvini e dagli occhi azzurri, da tenere stretta al mio cuore, da spupazzare. Una parte di me, con la quale condividere ogni istante delle mie giornate. Il regalo più bello della mia giovinezza, ma il desiderio era di allargare ulteriormente famiglia e dare alla mia bimba un fratellino o una sorellina. Decidemmo di aspettare.

Argomenti: Infertilità Gravidanza naturale Innovitas Vitae Subfertilità Fertilità Sistema Immunitario Prevenzione Essere donne Essere madri Gravidanza Sindrome premestruale Mestruazioni Natura sterilità secondaria

Sterilità secondaria, quando il secondo figlio non arriva

Sterilità secondaria, quando il secondo figlio non arriva

Non tutti sanno che, pur avendo avuto una prima gravidanza, avere un altro bambino può essere complicato se non impossibile

In gergo ginecologico viene definita “infertilità secondaria”, ed è la difficoltà a concepire per la seconda volta, dopo che la prima gravidanza è andata a buon fine. Chi ha già avuto un bambino, infatti, è solitamente convinto che non avrà alcun problema a rimanere incinta quando sceglierà di diventare genitore per la seconda volta. Eppure, in alcuni casi, non va proprio così: i figli non arrivano dopo ripetuti tentativi, con pesanti ricadute psicologiche su donne e uomini che desidererebbero allargare la famiglia. Ma una coppia su sette, in Italia, vive questo problema e dovrebbe prendere provvedimenti se vuole a tutti i costi avere un nuovo bebè. Secondo i CDC americani circa tre milioni e mezzo di donne soffrono di infertilità secondaria.

Argomenti: Infertilità Gravidanza naturale Innovitas Vitae Subfertilità Fertilità Sistema Immunitario Prevenzione Essere donne Essere madri Gravidanza Sindrome premestruale Mestruazioni Natura sterilità secondaria

Frida, la speranza in un ovulo fecondato in vitro

Frida, la speranza in un ovulo fecondato in vitro.

La speranza di Frida era legata a un ovulo fecondato in vitro, che alla fine non ha dato il risultato sperato e da anni ambito: un figlio. Quel figlio che da quando - l’allora ventenne toscana - si era sposata con Mirko, avevano iniziato a cercare. Sono passati dieci anni e tre FIV, ma il loro anelato bambino non è mai arrivato. Ma Frida ci crede ancora e continua a lottare contro la sua ansia e la sua depressione.

Argomenti: Infertilità Gravidanza naturale Innovitas Vitae Subfertilità Fecondazione assistita Fertilità Sistema Immunitario Prevenzione Essere donne Essere madri Gravidanza Sindrome premestruale Mestruazioni Natura

Infertilità di coppia, un problema sociale

Infertilità di coppia, un problema sociale

In Italia l’infertilità di coppia è ormai diventata una piaga sociale. Un vero e proprio disagio per donne e uomini, che ne sono colpiti nella stessa percentuale: nel 40 per cento dei casi sono i maschi ad esserne soggetti, nel 40 per cento le femmine, ma anche - e parliamo di un 20 per cento - entrambi i partners. Con un conseguente crollo delle nascite (nel periodo gennaio-giugno 2017, i nati sono stati 1.500 in meno rispetto allo stesso semestre del 2016. E 473.438 nati nel 2016 (-12mila sul 2015), con una media di 1, 34 in media i figli per donna e un’età del parto di 31,8 anni (dati Istat).

Il problema della sterilità è sicuramente di origine personale e fisica, ma la scelta di fare figli in tarda età (sempre più spesso obbligata dai tempi del lavoro e dalla frenesia del quotidiano e della vita), non aiuta di certo la capacità riproduttiva degli individui. Rispetto a 30 anni fa, infatti, l’età media del concepimento si è alzata di dieci/quindici anni nei due sessi. E a farne le conseguenze, con ricadute psicofisiche solitamente importanti, sono proprio le coppie in cerca di gravidanze che stentano ad arrivare o che non arrivano proprio.

Argomenti: Infertilità Gravidanza naturale Innovitas Vitae Subfertilità Fertilità Sistema Immunitario Prevenzione Essere donne Essere madri Gravidanza Sindrome premestruale Mestruazioni Natura