<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=2156928307866245&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Alessandro Scozzesi intervista Federica Cappelletti: pluripremiata OPINION LEADER nel settore dell’INFORMAZIONE SANITARIA.

Alessandro Scozzesi intervista Federica Cappelletti: pluripremiata OPINION LEADER nel settore dell’INFORMAZIONE SANITARIA.

Per anni “corteggiata” da direttori e testate di settore, ha lavorato per oltre venti anni nelle redazioni de La Nazione e del Quotidiano Nazionale (fascicolo nazionale di Nazione, il Resto del Carlino e il Giorno). Ha collezionato premi e riconoscimenti, condotto meeting in sanità, portato avanti ricerche e teorie sull’argomento. La SALUTE rimane il suo cavallo di battaglia, la sua passione, il suo obiettivo principale: è proprio per questo che, dopo averci ragionato su e valutato la bontà del lavoro svolto, ha deciso di entrare nel team, altamente qualificato, di I-VITAE.

Federica Cappelletti BLOG.png

Dottoressa Cappelletti, nel 2015 ha vinto il Fertility Award 2.0, il primo premio conferito da MerkSerono per l’articolo, pubblicato sul portale Salutepiu24 di cui era allora direttrice, sulla Fecondazione.

“Si, un bel successo. Avevo scritto quel pezzo descrivendo le possibili cause che portando alla Sterilità e tutti i problemi legati alla Fecondazione. Con possibili rimedi, attenzioni, aggiustamenti…”.

Per questo ha scelto I-VITAE?

“Diciamo che ha sicuramente contribuito a dire si a questa meravigliosa star-tup, fatta di grandi professionisti. Persone che hanno un bel bagaglio di conoscenze e di esperienze, che si sono messe insieme forti di un progetto che aiuta le donne a rimanere incinta in maniera naturale. Anche quando la medicina tradizionale non trova le cause di una mancata gravidanza. E, posso dire a chiare lettere, che funziona. Finalmente abbiamo le prove di questo successo”.

In che senso?

“Donne che hanno seguito il percorso indicato dal team di I-VITAE, fatto di un integratore a base di CURCUMA (NOFLAMOX, che, come ho già spiegato in un precedente articolo sul BLOG in I-VITAE, è molto indicato anche per attenuare i disagi premestruali e mestruali. Io ne sono la prova vivente!), sono rimaste incinta. Un primo grande successo, ma per noi non basta. E gli operatori, infatti, stanno seguendo le gravidanze una a una. Questo modo, puntuale e sano, di lavorare di questa realtà mi piace molto. Tanto che è stato determinante per dire sì alla proposta di occuparmi della vostra comunicazione (dire si a lei, Alessandro Scozzesi, Ceo di I-VITAE, che mi aveva cercato da tempo…)”.

Da dove si comincia, per arrivare al percorso “naturale” per provare a rimanere incinta?

“Prima le donne con problemi di sterilità, solitamente definita sine causa, vengono sottoposte al TEST, sempre di I-VITAE, IMMUNOX, capace di rilevare problemi al SISTEMA IMMUNITARIO. Una vera rivoluzione, a mio avviso! Sono una di quelle convinte che tutti i problemi di salute nascono da un sistema immunitario compromesso. Io, sin da piccola, mi sono sottoposta a punture per avere un sistema immunitario più forte. Le mie bimbe, di 5 e 7 anni, fanno cure cicliche con prodotti naturali che agiscono sul sistema immunitario… E I-VITAE ha capito che molti concepimenti mancati, ma anche gli aborti, sono dovuti proprio a un sistema immunitario che non funziona”.

Possiamo dire che IMMUNOX è il futuro di molte donne che vogliono diventare madri ma non ci riescono?

“Assolutamente si, proprio perché l’infertilità inspiegata, dovuta a un sistema immunitario compromesso, è responsabile di più del 40 per cento delle gravidanze mancate. Per non parlare dei potenziali aborti legati allo stesso problema, che fanno lievitare la percentuale di insuccesso nel concepimento e accrescono il dramma di milioni di donne che desiderano essere madri ma non riescono a rimenare incinta o a portare a termine la gravidanza. Con sensi di colpa e sentimenti di fallimento che spingono sempre più verso depressioni senza ritorno o cure invasive e fisicamente pesanti”.

Parliamo del test: come funziona?

“Basta un semplice prelievo di sangue (nei centri prelievo autorizzati e più vicini a casa propria, pubblici e privati) e in soli dieci giorni si può sapere se il proprio sistema immunitario è in grado di supportare o meno la gravidanza. Il test rileva e misura quantitativamente quattro biomarcatori specifici: Tumor Necrosis Factor Alpha TNF Alpha, GLICODELINA (GLY), TOS (Total Oxidative Status) e CATF (Complement Activity Toxic Factor). I primi tre (biomarcatori) erano già presenti in letteratura, il quarto è stato scoperto dal team di I-VITAE. Tutto il lavoro di ricerca è stato portato avanti, con dedizione e puntualità, da (lei) Alessandro Scozzesi e Renato Colognato (direttore scientifico di I-VITAE, che ha sofferto insieme a sua moglie il dramma di due aborti e di non riuscire ad avere figli per lungo tempo) ed è stato stimolato dall’esigenza di capire le cause che stanno alla base di una gravidanza cosiddetta sine causa. Dal loro (vostro) intenso e attento lavoro è nato il test IMMUNOX, assembrando, appunto, i quattro biomarcatori. Attualmente il test è stato condotto su ben 2.200 casi”.

Lei si occupa di COMUNICAZIONE, del BLOG di I-VITAE, della diffusione di messaggi che devono, necessariamente, essere corretti. Che percezione ha rispetto a questi “prodotti”?

“Anche per motivi deontologici, ma soprattutto per ragioni etiche e di reputazione personale, non potrei mai comunicare notizie false. Ho aspettato un pò prima di accettare l’incarico di I-VITAE, proprio perché i prodotti sono comunque a pagamento e per me la salute deve essere alla portata di tutti. Ma i costi di questi prodotti non sono assolutamente proibitivi (pubblicati sul sito: www.i-vitae.co) e se una donna desidera diventare madre è giusto che abbia la possibilità di capire cosa non funziona nel suo corpo e di provare a curatesi per diventare fertile. Il TEAM di I-VITAE non vende fumo ma soluzioni concrete, naturali, mettendoci la faccia e non illudendo nessuno. Se il risultato arriva, ed è accaduto, il successo è di tutti”.

Contenta di essere nel team?

“Contenta di esserci e soprattutto di aiutare le donne. Da donna a donna, è più facile”.

 

Alessandro Scozzesi
CEO di I-VITAE 

Topics: Infertilità Gravidanza naturale Innovitas Vitae Subfertilità Fertilità Sistema Immunitario Prevenzione Essere donne Essere madri Gravidanza Sindrome premestruale Mestruazioni Federica Cappelletti